In viaggio verso te… sostegno psicologico all’infertilità

 

in viaggio verso te

 

L’attività è volta ad offrire uno spazio in cui accogliere e sostenere le persone che non riescono a concepire il figlio desiderato e/o si sottopongono ai protocolli di Procreazione Medicalmente Assistita (omologa o eterologa).

Gli interventi previsti  consistono in:

  • Consulenza psicologica
  • Consulenza psicologica on line mediante supporto skype
  • Sostegno Psicologico individuale o di coppia
  • Psicoterapia individuale o di coppia
  • Incontri di gruppo: mensilmente saranno attivati incontri di gruppo costituiti dalle coppie infertili o dai singoli partner che si sottopongono ai protocolli di fecondazione assistita;  

Gli interventi sono rivolti a:

  • alle coppie o singoli partner a cui è stata diagnosticata un’infertilità organica o sine causa
  • alle coppie infertili o ai singoli partner che desiderano essere supportati in preparazione, durante, dopo i protocolli di PMA
  • donne/uomini single prima, durante e dopo PMA

Sede:

Lo spazio è attivo presso lo Studio di Psicoterapia della dott.ssa V. Moretti, psicoterapeuta, sito in Via R. Venuti,36 00162 Roma

Contatti:

Per informazioni o per richiedere un appuntamento telefonare dal lunedì al venerdì al 3381428250 dalle 9:00 alle 18:00 oppure scrivere all’ indirizzo di posta elettronica: studio.morettivale@gmail.com

 

Annunci

Festival Psicologia 2019 “Io sono qui”

fp19-logo-chiaro

 

Riparte il Festival della Psicologia dal titolo “Io sono qui” che quest’anno si terrà dal 31 maggio al 2 giugno 2019 con diverse iniziative, tra cui, la possibilità, per chi lo desiderasse, di richiedere ai professionisti aderenti all’iniziativa, un incontro gratuito e, successivamente, un percorso terapeutico a costi agevolati.
Anche quest’anno ho deciso di aderire perchè spesso entro in contatto con persone che temono di rivolgersi ad uno psicologo per via delle loro difficoltà economiche, o perchè non conoscono bene come si svolga una consulenza o un percorso terapeutico. Per continuare a venire loro incontro, le invito a scaricare, a partire da oggi, entro il 30 giugno 2019, il voucher dal profilo pubblicato sul sito del festival e contattarmi per concordare un appuntamento. Il voucher potrà essere utilizzato entro dicembre 2019.
Per appuntamenti è possibile contattarmi dal lun. al ven. dalle 9:00 alle 18:00 al numero 3381428250 o all’indirizzo mail: studio.moretti
vale@gmail.com

Le solitudini della coppia infertile…

coppia

Quante solitudini vive la coppia che scopre la propria infertilità?

Tempo fa scrissi insieme alla mia collega, la dott.ssa Chiara Borgia, un post sulla solitudine che la coppia può sperimentare al suo interno quando riceve una diagnosi di infertilità. Nel post d oggi vorrei parlare della solitudine che la coppia può sperimentare anche intorno a sé nel contesto sociale di appartenenza.

Nella coppia

Riporto brevemente quanto scritto nel post precedente  a proposito della solitudine che la coppia può percepire al suo interno, come in genere accade quando sopraggiunge una crisi che come un uragano spazza ogni certezza. Partirò a tal proposito dalle parole del racconto tratto dalla raccolta di storie del libro “Naturalmente Infertile” di L. Musto e S. Tosca.

Siamo sempre stati la coppia perfetta… naturale poi decidere di avere un figlio insieme. Come tutto il resto, di certo il bambino non avrebbe tardato, sarebbe stato sicuramente facile.

Lo spermiogramma diede un nome al nostro nemico… ora avevamo un piano… io rifiorivo, felice di avere uno scopo, lui invece precipitava sempre di più. Non mi resi subito conto di questo…in fondo lo sterile era lui, nella mia testa non aveva quasi il diritto di essere triste! Cavolo ero io che mi sottoponevo a tutto, per fare un figlio con lui, come minimo avrebbe dovuto “felicemente sostenermi”!

A dicembre 2009 il nostro primo tentativo.  Tante speranza tanta aspettativa. Per un sonoro, triste, cocente, negativo…non mi permisi di perder tempo a soffrire: volevo riprovarci. Lui era sempre più distante e come indifferente a tutto il mio agitarmi. Prendemmo un altro appuntamento, ma era come se fossi sola ormai. Lui era sempre più lontano.

Non ho mai considerato forse come si sentisse…

Ci tengo a precisare che la storia presentata è solo una delle possibili reazioni della coppia alla crisi e al dolore provato; ma i vissuti emotivi riportati sono comuni a molte coppie che ho incontrato.

Uomini e donne tendono a reagire con modalità differenti alla crisi identitaria (maschile e femminile) sperimentata individualmente, e del progetto di famiglia, costruito all’interno della coppia, che tale diagnosi mette profondamente in discussione. Oltre alle differenze di genere vanno considerate le differenze individuali nel fronteggiare gli eventi stressanti e mettere in campo la capacità di resilienza.

In realtà, dietro queste diverse modalità, si cela un intento comune in quanto  entrambi stanno fuggendo dal dolore e dal vissuto di impotenza che si provano in seguito alla scoperta dell’ infertilità … non mi permisi di perder tempo a soffrire… per coinvolgersi in ciò che possa restituire l’immagine di persone e coppia fertile.

Questa differenza, però, fa percepire un allontanamento, che altro non è che una distanza emotiva che si crea e che fa sentire soli… Lui era sempre più distante e come indifferente a tutto il mio agitarmi… che spesso si trasforma in rabbia verso l’altro.

Quello che è venuto a mancare in questa coppia è il dialogo inteso come condivisione dei propri stati emotivi, dei propri vissuti, … Non ho mai considerato forse come si sentisse…

Ed ecco i silenzi, gli imbarazzi, perchè non si sa cosa dire all’altro o come dirlo, come stargli accanto senza ferirlo, e quindi i fraintendimenti, la rabbia, i litigi, le discussioni, gli allontanamenti.

Si fugge da sè, dal proprio dolore, si fugge dall’altro.

Intorno alla coppia

Il senso di solitudine lo si percepisce inoltre confrontandosi con gli altri che hanno avuto figli rispetto ai quali il vissuto è simile all’avere un handicap, di sentirsi diversi, difettosi.

“Forse non era invidia o meglio non nel senso brutto del termine. Era solo che non riuscivo a trattenere la commozione di fronte la loro felicità mi venivano giù le lacrime e non riuscivo più a gioire delle cose belle. In poche parole era dolore … tutte le occasioni in cui ci sono bambini diventano insostenibili, gridano il proprio vuoto. A volte la sofferenza è lacerante.”

Le emozioni quali la vergogna, la sensazione di essere diversi “difettosi”, l’invidia per chi con tanta naturalezza e semplicità è riuscito a concepire e a crescere un figlio, la rabbia per chi li ha avuti e perchè un simile dolore non sia toccato a qualcun altro, portano la coppia ad evitare tutte quelle occasioni e relazioni in cui sono presenti genitori e bambini. Si sentono esclusi non capiti e a loro volta, gli altri, percependo questo, faranno un passo indietro attivando un circolo vizioso che procura solitudine. E così con quanti sminuiscono, giudicano, o danno consigli non graditi. La stessa scelta di ricorrere alla PMA potrebbe essere contestata da amici e parenti anche solo per non voler più veder soffrire i propri cari. Potrebbe anche essere in contrasto con i propri valori, tra cui quelli religiosi e sentirsi, quindi, in colpa e rifiutati anche dalla propria comunità religiosa.

L’isolamento è una scelta per proteggersi in un momento in cui si è fragili e vulnerabili ed una parola o comportamento fuori posto rischiano di ferire e aumentare la tristezza e la paura. Ma è anche una scelta per elaborare ciò che sta accadendo: “bisogno di vivere il proprio dolore fino in fondo per trovare un nuovo modo di vivere senza quello che hai perso”. 

La solitudine un bene o un male?

La solitudine intesa come spazio per ritrovarsi in un momento in cui una crisi, come quella dell’infertilità, ha fatto perdere tutti i punti di riferimento è positiva, attenzione però a non trasformarla, unicamente, in meccanismo difensivo  per non trovarsi davvero soli  e lasciarsi fagocitare dall’incertezza, dalla paura, e soprattutto dalla depressione che è a sua volta causa e conseguenza della solitudine o del senso di solitudine.

Quali risorse per contrastare l’isolamento e il senso di solitudine?

Molto spesso le coppie infertili sentono il bisogno di confrontarsi con chi sta affrontando la stessa esperienza per sentirsi accolti compresi e non solo diversi ed esclusi. A tal fine i gruppi di auto aiuto  possono diventare una risorsa molto importante per contrastare il senso di isolamento e lo stigma percepito.

A livello di coppia è importante riaprire la comunicazione sui rispettivi stati d’animo e modalità scelte per gestirli. Quando ciò risulta faticoso o i tentativi fatti sembrano non produrre effetto, un percorso psicoterapeutico di coppia aiuterebbe proprio a tal fine, per evitare allontanamenti o rotture della relazione.

Se la difficoltà è prima di tutto recuperare il proprio senso di Sè smarrito prima di riuscire a comunicare i propri stati d’animo allora un percorso di sostegno psicologico individuale per ritrovarsi può essere un’altra risorsa.

 

Fonti:

le parti in corsivo sono tratte dai testi di:

L. Musto, S. Tosca, Naturalmente Infertile

R. Clementi, Lettera a un bambino che è nato

 

STERILITA’ IDIOPATICA O SINE CAUSA

50948250_1009267039279511_2529955261712433152_o

“NON CI PENSARE”

Quante volte ci siamo sentiti rivolgere queste parole quando desideravamo ardentemente un qualcosa che tardava ad arrivare e, più la dicevano più il nostro desiderio aumentava e, con lui, la paura che non si realizzasse. Paura che, a sua volta, finiva con il condizionare pensieri e comportamenti ostacolando, in parte, la realizzazione stessa del desiderio creando così un circolo vizioso. Più si avverte la paura e la frustrazione più quelle parole feriscono perchè impossibile smettere di pensare a ciò che ci fa soffrire.

E’ ciò che accade alle coppie che decidono sia arrivato il momento di concepire il proprio figlio, il quale però non arriva. Inizialmente si pensa sia questione di tempo tutti dicono di non pensarci perchè l’ansia ostacola il concepimento, poi però il ritardo inizia a preoccupare e allora si consultano i medici. A volte, in seguito a queste consultazioni emergono problematiche a carico della donna (37,1%) o a carico dell’uomo (29,3%) o di entrambi (17,6%).  Nel restante 15,1% dei casi, secondo i dati del Registro Nazionale Procreazione Medicalmente Assistita, non si riscontrano problematiche organiche che ostacolano il concepimento e si parla, quindi, di infertilità idiopatica.  In questo caso  l’infertilità potrebbe essere di natura psicogena e ascriversi a vissuti emotivi che, se non riconosciuti e quindi inespressi, evitati, trovano possibilità di emergere soltanto attraverso il corpo.

Il nostro corpo grida quando le emozioni non parlano… questo perchè mente e corpo sono in relazione tra di loro, la mente si trova nel corpo esattamente come un qualsiasi altro suo organo ed è in relazione con esso, perciò quando la mente soffre e i vissuti emotivi di sofferenza non trovano possibilità di espressione, condivisione e accoglienza, il disagio si trasferisce su altre parti del corpo.

Infertilità psicogena

Tendenzialmente quando si parla di infertilità psicogena ci si riferisce a componenti inconsce che ostacolano il concepimento ascrivibili a vissuti emotivi che entrano in conflitto con il desiderio consapevole di avere un figlio. Vissuti che possono essere suscitati: dalle relazioni con le famiglie di origine, o ad esperienze vissute al loro interno; vissuti che possono, per esempio, consistere nella paura di sentirsi inadeguati come genitori o di perdere aspetti importanti della propria vita assumendo il ruolo genitoriale; vissuti che possono essere suscitati dal contesto lavorativo o sociale o, ancora, a specifiche dinamiche della propria relazione di coppia, oppure da altre esperienze traumatiche che non sono state ancora elaborate: malattie, aborti ecc.

Stress psicologico e infertilità

Sebbene sia difficile dimostrare l’ipotesi che dietro l’infertilità si celi un fattore psicologico, ciò che è certo è che un disturbo della fertilità può portare la singola persona e la coppia ad una crisi che può protrarsi per anni, con una sofferenza psicologica notevole che può investire vari ambiti della vita,come quello coniugale, lavorativo sociale e sessuale provocando una serie di ripercussioni sul benessere psichico.

Diversi studi, della medicina psicosomatica, hanno dimostrato come lo stress psicologico (soprattutto alti livelli di depressione e di ansia) suscitato dalla difficoltà di concepire un figlio, dalle tecniche invasive della procreazione medicalmente assistita e dai fallimenti dei tentativi, influisca sul corpo arrivando ad inibire spermatogenesi e ovulazione, oppure, inibendo la formazione dell’embrione o dell’impianto dell’embrione sulla parete dell’utero, attivando un circolo vizioso per cui l’infertilità genera stress e lo stress genera infertilità, indotta dallo stress. 

Alcune volte si sperimenta un senso di colpa di essere ricorsi alla PMA, per essere aiutati nel concepimento, perchè contrario a quanto atteso dalle famiglie di origine o dal contesto sociale in cui si è inseriti, o dai propri valori religiosi, per cui questo aiuto è vissuto con ambivalenza da una parte accettato dall’altro odiato perchè genera così sensi di colpa, ricorda il proprio stigma, accentuando il senso di solitudine e di difettosità.

Come può intervenire il sostegno psicologico

Di fronte a questi vissuti di forte disagio capaci di mettere in crisi la persona e la coppia la mente è chiamata ad un significativo, e difficoltoso processo di elaborazione.

L’intervento psicologico potrebbe aiutare a far emergere gli aspetti inconsapevoli e gestire i vissuti emotivi connessi all’esperienza dell’infertilità e del percorso di PMA, al fine di consentire un’elaborazione psichica del disagio vissuto, all’interno di uno spazio protetto e una relazione terapeutica improntata sulla fiducia, sull’alleanza, e sull’assenza di giudizio, offerti da un percorso terapeutico.

Tutto tua madre di J-AX

Il lavoro andava a gonfie vele
La casa una barca che andava giù a fondo
Sai che la mamma aspettava un bambino ma dopo l’ha perso
Io paralizzato come un brutto sogno
Mentre lei piangeva e cadeva in ginocchio
E in quel momento mi si è rotto qualche cosa dentro
Per la prima volta mi sono sentito vecchio
Vittima di una fattura, una stregoneria…

…“Quand’è che ci fate un figlio?”
Tutti la stessa domanda
Io trattenevo la rabbia
Perché avrei voluto spaccargli la faccia
Avevo perso da mò la speranza
Non sopportavo più tutto quel dramma
Ad avere coraggio ci pensava mamma
Tra medicine e le punture in pancia
Messo alle corde anche io
Pensavo alla religione
Se un figlio è un dono di Dio
Forse questa era la mia punizione…

…Ora so che dietro il caos c’è un senso più profondo
Sei nato a Febbraio lo stesso giorno del nonno
Mamma incredula temeva che fosse un miraggio
E i primi mesi ti ha tenuto giorno e notte in braccio

Tutto tua madre di J-AX

Quante persone che scoprono di essere infertili si saranno riconosciute in queste parole. Un testo che ha dato voce a tutte loro in particolar modo agli uomini il cui dolore è spesso sordo e non riconosciuto per dare spazio e sostenere le loro compagne durante i percorsi di PMA cui assistono con la sensazione di impotenza come spiega lo stesso J-AX. Un testo che ha permesso a chi questa difficoltà non la vive di provare quantomeno a immaginare se non comprendere la sofferenza di queste coppie.

 

Iniziativa CNOP STUDI APERTI

Anche il mio studio ha aderito all’iniziativa promossa dal CNOP STUDI APERTI. Da martedì 2 a giovedì 18 ottobre 2018 offrirò, previo appuntamento, dei colloqui conoscitivi gratuiti, nelle giornate di martedì mercoledì e giovedì, a tutti coloro che sentono il bisogno di consultarsi con lo psicologo. E’ possibile richiedere il colloquio ai seguenti riferimenti: tel.3381428250 mail studio.morettivale@gmail.com.

Vi aspetto!

Dott.ssa V. Moretti

IMG_6450

“Non a tutti è successo di essere amati, curati e accuditi in modo generoso e disponibile, quando eravamo bambini. E purtroppo questo fatto non è modificabile. Il passato non si cambia. Ciò che però possiamo cambiare è il nostro presente e il nostro futuro. Se prendiamo consapevolezza del buio che ha abitato una parte della nostra vita, allora potremo trasformare questa consapevolezza in luce.”

Tratto da “Zitta. Le parole per fare pace con la storia da cui veniamo”, di A. Pellai, B. Tamborin

Rileggendo queste parole penso a quanto coraggio richieda acquisire la consapevolezza di essere stati amati in modo imperfetto, quanta sofferenza si nasconda dietro e quanta paura porti con sè; e poi penso al processo di elaborazione e di trasformazione di questa consapevolezza che si attiva in un percorso terapeutico. Quando con fiducia le persone riconoscono la propria paura e richiedono, inizialmente, aiuto per trovare il coraggio che manca. Penso ai loro volti sorridenti quando sciolgono la loro sofferenza nel perdono e nella consapevolezza che, pur essendo stati amati in modo imperfetto, non per questo sono indegni di amore autentico, quando “trasformano questa consapevolezza in luce” che illuminerà il cammino successivo guidando nuove scelte che consentiranno di raggiungere ciò che si è sempre desiderato ma non si è riusciti, ancora, a conseguirlo.

Dott.ssa V. Moretti